Por Upsocl
18 octubre, 2020

Ti immagini di prendere un aereo e che non ti facciano salir per il tuo modo di vestire? Questa insolita e discriminatoria situazione è capitata a una giovane americana, che non ha esitato a denunciare Southwest Airlines sui suoi social network. Ha ricevuto delle scuse.

Un evento controverso si è verificato all’aeroporto LaGuardia di New York, il 6 ottobre scorso, dopo che una donna ha denunciato sul suo profilo Twitter che non le era stato permesso di imbarcarsi su un volo per Chicago, per aver indossato un abito senza maniche e scollatura. La giovane donna, di nome Kayla Eubanks, ha pubblicato un video, che in poco tempo è diventato virale.

Secondo BuzzFeed News, il personale di imbarco della Southwest Airlines ha negato l’ingresso alla 22enne per “violazione del codice di abbigliamento“. Eubanks ha detto che hanno definito i suoi vestiti e il décolleté”osceni ed offensivi“. La donna ha spiegato che “Di solito uso t-shirt, felpe o qualsiasi altra cosa all’aeroporto, ma a Chicago ci saranno stati circa 25 gradi. Inoltre, si trattava di un volo di solo un’ora e mezza“.

Twitter Kayla Eubanks @UziSuzy

Nel suo tweet, Eubanks dice che è stato dopo aver lasciato i suoi bagagli quando ha vissuto questo spiacevole momento, in cui il personale di volo non gli ha permesso di salire sull’aereo perché indossava un abito scoperto. “All’inizio mi sono sorpresa, poi mi sono infastidita molto perché questo è discriminazione“, ha detto la giovane donna. Ha anche aggiunto che, a proposito dei suoi seni, “Non posso letteralmente toglierli, sono una donna e sono miei, non posso lasciarli a casa, non posso separarli. Quindi, se mi stai dicendo che la mia parte del corpo è offensiva, no!“.

Twitter @UziSuzy

La compagnia Southwest Airlines, da parte sua, ha pubblicato un comunicato e ha riferito di aver chiesto scusa direttamente alla giovane donna, oltre a rimborsarle il volo come “gesto di buona volontà”. Allo stesso modo, hanno chiarito che il loro codice di abbigliamento consigliato agli utenti è quello di vestirsi “per impressionare“. “Ci si aspetta che lei presenti un aspetto pulito, ben curato e di buon gusto“, si legge nella dichiarazione. Per quanto riguarda la situazione con la giovane donna, hanno chiarito di aver fatto tutto il possibile per”promuovere un ambiente incentrato sulla famiglia”.

Ma il conflitto non è finito qui. Eubanks è riuscita a salire sull’aereo con la condizione di indossare una maglietta che gli è stata data dal personale di volo. Per la giovane donna si è trattato di qualcosa completamente folle. “Sembrava che tutto quello che stava succedendo fosse basato su pregiudizi personali, e non mi sembra affatto appropriato“, ha detto.

Twitter @UziSuzy

Per Eubanks, il rimborso del volo non era la vera soluzione al problema. “Penso che debbano aggiornare il codice di abbigliamento. Non dovrebbe essere discriminatorio. Penso che come donna, in particolare come donna di colore, il mio corpo sia costantemente sorvegliato e iper-sessualizzato, e questo non è giusto“, ha sottolineato la 22enne. Inoltre, ha aggiunto che non considera accettabile lasciare tale decisioni all’interpretazione dei dipendenti della compagnia aerea.

Puede interesarte