Por Upsocl
17 septiembre, 2020

Sfortunatamente per lei, non ha funzionato

Sono già molti i casi di avvistamenti di animali selvatici nelle zone urbane. È stato uno dei fattori più comuni durante la pandemia e, in alcune parti del mondo, anche prima del COVID. Come accade in Cile con i suoi condor e puma, esseri viventi che abitualmente vivono in cima alle montagne, ma a causa dell’avanzata dell’urbanizzazione e della distruzione e depredazione del loro habitat, si vedono sempre più spesso in città.

Queste speciali visite sono ormai diventate meno sorprendenti.

Puma | Immagine referenziale | @sagchile

Immagini che purtroppo sono diventate molto comuni, che ci parlano della distruzione del loro ecosistema e oltre al potenziale pericolo che questi animali selvatici possono correre nelle aree urbane. In molte occasioni si è potuto vedere come i puma camminano per le strade di un quartiere o addirittura entrano nelle residenze come se fossero la loro casa. Il fatto è che la loro casa non è più la stessa, e quindi di fronte a questa situazione, hanno dovuto andare altrove per poter vivere e nutrirsi.

Tuttavia, sfortunatamente la città è tutt’altro che un posto ideale e sicuro per loro.

Puma | Immagine referenziale | Aton Chile

Il pericolo che corrono è altissimo, tenendo presente che è un rischio anche per qualsiasi persona vicino a loro. Soprattutto per bambini e persone a mobilità ridotta, che non riuscirebbero a reagire al meglio di fronte a questo grande felino. Situazione che tra l’altro non è accaduta lunedì scorso nel comune di Puente Alto, a Santiago del Cile, quando un puma è stato avvistato vicino a un condominio, secondo Teletrece.

E non solo perché questo carnivoro camminava tranquillamente per le strade prima di tornare da solo nel suo habitat naturale, ma anche per l’atteggiamento di una vicina di fronte a questa insolita visita.

Nonostante la paura di molti, c’è stato chi ha preso troppo sul serio l’appello alla calma che hanno fatto i “Carabineros”. Perché oltre a scattare fotografie e filmarlo, è apparsa anche una donna che, registrando l’accaduto con il cellulare, ha chiamato il puma come se fosse un gatto, ripetendo più e più volte: “cuchito, cuchito” (micio, micio).”.

Come previsto, il suo tentativo di accarezzarlo o dargli da mangiare, non ha funzionato e il felino è tornato a casa da solo senza richiedere un’operazione importante per catturarlo..

Puede interesarte