Por Upsocl
8 enero, 2021

Aveva subito fenomeni di bullismo durante il periodo scolastico, per cui il padre voleva evitare questa volta che il figlio potesse essere nuovamente discriminato. “Il mio obiettivo era quello di studiare qualche mese, il tempo necessario per permettergli di socializzare, ma lui mi ha dato la forza di non arrendermi e così, abbiamo studiato assieme fino alla fine” ha raccontato l’uomo.

Luís Felipe Soares è un padre di 47 anni che lavora come perito tecnico industriale nella città di Vitória (Brasile) assieme alla moglie e al figlio, Lucas. Il ragazzo è affetto dalla sindrome di Asperger dall’età di 12 anni e per questo motivo, è stato vittima di bullismo sia alle elementari che alle medie. Lucas è stato bersagliato costantemente e a causa della sua condizione, ha sempre dovuto affrontare valanghe di pregiudizi e offese. Perciò, nel momento in cui ha detto ai suoi genitori che il suo sogno nel cassetto era quello di diventare avvocato come la madre, il padre non ha avuto altra scelta: si è armato di coraggio e non ha esitato ad accompagnare il figlio nel suo percorso universitario.

TV Gazeta

La presenza del signor Soares è stata decisamente utile dato che il figlio ha cominciato ad avere più fiducia in sé stesso, migliorando di gran lunga la sua capacità di socializzazione. Appena si è presentato davanti ai suoi compagni, il giovane studente ha raccontato di essere affetto dalla sindrome di Asperger ma di sentirsi alla pari. “Ci evolviamo come persone e come società attraverso la convivenza e l’inclusione”, ha pronunciato in seguito il ragazzo, che attualmente ha 23 anni. Il percorso, durante il quale padre e figlio si sono aiutati vicendevolmente, è stato stimolante per entrambi.

“Ero piuttosto nervoso dato che stavo per tornare sui libri, soprattutto perché si tratta di una facoltà che non mi riguarda, io ho già un lavoro. Ma Lucas mi ha tranquillizzato con la sua serenità. Il mio obiettivo era quello di studiare qualche mese, giusto il tempo necessario per permettergli di socializzare, ma lui mi ha dato la forza di non arrendermi e così, abbiamo studiato assieme fino alla fine (…). Lucas è stato trattato allo stesso modo: I lavori in classe e gli esami erano uguali per tutti. È riuscito a completare il corso con i suoi sforzi”.

– ha raccontato Luís Felipe Soares al portale web Noticias UOL

TV Gazeta

Dopo immensi sforzi ed infinite ore di studio, entrambi si sono laureati presso la Facoltà di Giurisprudenza della città di Vitória, e adesso, sono in attesa di ricevere il diploma di Laurea, un momento sicuramente emozionante che avverrà a febbraio del 2021. In questo arduo percorso, Luís Felipe si è imbattuto in una marea di preoccupazioni. Credeva che il figlio avrebbe avuto delle serie difficoltà nel relazionarsi con gli altri studenti, e invece non c’è stato alcun problema. Appena le lezioni sono diventate online, Lucas ha iniziato a sentire la mancanza dei suoi compagni di corso. Senz’ombra di dubbio, fra i due, il più nervoso era il padre.

TV Gazeta

“Il primo giorno delle lezioni stavo tremando. Ero ansioso poiché volevo sapere come sarebbe stato il corso, come l’avrei potuto gestire. Era tutto così nuovo. All’inizio è stato complicato (…). Non esiste ostacolo che una persona con Asperger non possa superare. Se mio figlio viene aiutato e se c’è qualcuno che crede in lui, può addirittura stravolgere il mondo. Ad essere sincero, credo che il mondo abbia bisogno proprio di questo, di più persone che credono negli altri, di più persone che ti aiutano nel corso della vita. Se hai questa fortuna, allora puoi sentirti invincibile”

– ha confessato Luís Felipe al canale TV Gazeta

TV Gazeta

Adesso, a questi due guerrieri non resta che realizzare l’esame per iscriversi all’albo degli avvocati. Lucas non ha più paura e vuole dimostrare al mondo intero le sue capacità.

Puede interesarte