Por Upsocl
30 November, 2022

“Ha lottato a lungo, fra tanti ostacoli, ed è morto in pace e senza dolore fra le braccia di sua madre. Era la stella più brillante che io avessi mai conosciuto. Non dimenticherò le orme che mio figlio ha lasciato su questa terra, seppur per poco tempo. Era veramente un guerriero. Stava soffrendo, adesso è sereno. Brilla più che puoi, piccolo guerriero. Riposa in pace, figlio adorato”. Sono state queste le parole del padre, il signor Michael Gerry Fotheringham McConnell.

Tutti sappiamo che i genitori farebbero qualsiasi cosa per i propri figli, incluso darebbero la loro stessa vita per salvarli. Nessuno vorrebbe trovarsi in una situazione drastica come questa, ma molti genitori purtroppo devono affrontare i capricci del destino, faccia a faccia.

In un momento così delicato e complicato al tempo stesso si è ritrovato Michael Gerry Fotheringham McConnell, un uomo di 33 anni, padre di 5 figli (Keira, Rebecca, Lacey, Winter e Thomas) che aspettava di poter accogliere assieme alla sua compagna, Stephanie Brown, il sesto bebè. Nessuno dei due immaginava che un’esperienza così incredibile, come lo è il miracolo della vita, potesse trasformarsi in un teatro degli orrori.

Michael Gerry Fotheringham McConnell

Come raccontato dal Daily Mail, la madre del piccolo, una donna di 29 anni, aveva avuto un parto complicato e alla diciottesima settimana di gravidanza aveva cominciato a perdere il liquido amniotico, il fluido che circonda e protegge il feto. Michael non sapeva quale decisione prendere in quel frangente, visto che rischiavano la vita sia la madre che il piccolo che giaceva nel suo ventre.

“Il medico mi ha preso in disparte e mi ha chiesto: “Qualora dovesse presentarsi il momento, chi vorresti che sopravvivesse? La madre o il bebè?”, ha raccontato Michael, originario dell’Inghilterra. Nonostante il medico gli avesse chiesto di scegliere fra la vita della sua amata e quella del figlio, lui ha deciso di continuare ad andare avanti per cercare di salvare entrambi.

Assumendosi ogni rischio, infine questo padre ha potuto assistere alla nascita del sesto figlio, Mickey Robert Gerry Fotheringham McConnell, il quale pesava soltanto 538 grammi. Il piccino ha dovuto trascorrere tre mesi in ospedale, eppure non ce l’ha fatta e alla fine si è spento per sempre dopo soli 8 mesi dalla sua nascita.

Michael Gerry Fotheringham McConnell

Nel dare il suo ultimo messaggio di addio, Michael si è riferito al figlio chiamandolo “piccolo guerriero”. “Era la stella più brillante che io avessi mai conosciuto”, ha ammesso. Grazie al cielo, la madre di questo sfortunato angioletto è riuscita a sopravvivere.

L’intera famiglia ha sofferto atrocemente in questo percorso fatto di incertezze e buio. “Ero terrorizzato appena ho visto l’equipe medica camminare verso di me. Vedere le loro espressioni è stato agghiacciante. Quando i dottori mi hanno detto che le condizioni di Stephanie erano gravi e che la sua vita era in pericolo, il mio cuore si è fermato. Tutto ciò che mi importava era che lei stesse bene”, ha raccontato Michael.

Michael Gerry Fotheringham McConnell

“Erano tutti scettici sulla sopravvivenza del piccolo. Sono stato accanto a Stephanie nei peggiori momenti della nostra vita. Con la sua perdita di liquido amniotico, mentre cercava di resistere il più possibile, per 6 settimane. Per noi è stato estenuante, sia fisicamente che mentalmente”, ha aggiunto.

Anche se il nascituro era nato e i genitori l’avevano portato a casa, i dottori avevano detto loro che vi era la possibilità che non riuscisse a sopravvivere. Sfortunatamente, è quanto accaduto. Mickey è deceduto lo scorso 24 luglio.

Michael Gerry Fotheringham McConnell

“Ha lottato a lungo, fra tanti ostacoli, ed è morto in pace e senza dolore fra le braccia di sua madre. Era la stella più brillante che avessi mai conosciuto. Non dimenticherò le orme che mio figlio ha lasciato su questa terra, seppur per poco tempo. Era veramente un guerriero. Stava soffrendo, adesso è sereno. Brilla più che puoi, piccolo guerriero. Riposa in pace, figlio adorato”, ha detto Michael.