Por Upsocl
25 November, 2022

La sua presa di posizione è stata criticata sui social, ma lei ha risposto fermamente: “Ho solo avuto il coraggio di difendere le donne negli sport”.

Il padre transgender delle sorelle Kardashian e Jenner, Caitlyn Jenner, ha manifestato la sua felicità sui social dopo aver appreso che le donne trans saranno allontanate dalle competizioni di nuoto femminili, dopo il decreto generato dalla Federazione Internazionale del Nuoto (FINA).

Caitlyn, che è vincitrice di ben due medaglie d’oro, una nel decathlon delle Olimpiadi di Montreal del 1976 e un’altra nei Giochi Panamericani del 1975 a Città del Messico, ha scritto attraverso Twitter: “Alla fine è stato fatto. Ho ricevuto tanto odio, ma quel che è giusto è giusto. Se sei transessuale e hai vissuto una pubertà maschile, non puoi competere con delle donne e rubare loro la medaglia. Punto”.

Successivamente, la protagonista di “I’m Cait” ha ringraziato tutti coloro che hanno appoggiato il suo pensiero e ha affermato che ha intenzione di continuare a lottare affinché i diritti delle donne nelle gare sportive continuino ad essere rispettati.

“Grazie a tutti coloro che sono stati con me mentre parlavo di ciò che dovrebbe essere ovvio a tutti (e ovviamente io non sono anti-lgbt). Mi fa piacere che la comunità atletica internazionale stia affrontando la questione. Continuerò a parlare e ad agire, in difesa delle donne nell’ambito dello sport”.

Caitlyn Jenner, su Twitter.

Getty Images

Tuttavia, il suo discorso non è stato accolto di buon grado da tutti. Il media PinkNews è sceso in campo dicendo: “Caitlyn Jenner lancia un altro vergognoso attacco contro le atlete trans senza un pizzico di ironia”. E la sua respondió è stata: “No, ho solo avuto il coraggio di difendere le donne nel settore sportivo”.

Riguardo al polemico caso di Lia Thomas, la nuotatrice transgender, Caitlyn avrebbe spiegato al Daily Mail che rispetta il suo diritto alla transizione, ma che ovviamente essendo cresciuta nel corpo di un uomo non era giusto che gareggiasse nelle squadre femminili.

USA Today Sports

“Tre anni fa stava giocando nella squadra femminile, al 462esimo posto. Adesso è la numero 1 nello stesso evento per donne? Ovvio che non è giusto”, ha aggiunto.

Ricordiamo che l’ex atleta, che attualmente ha 72 anni, ha effettuato la sua transizione nel gennaio del 2015 rendendola nota a tutti in un articolo della rivista Vanity Fair, dal titolo “Chiamatemi Caitlyn”.