Por Upsocl
21 November, 2022

Quasi 100 medici hanno partecipato all’operazione di Bernardo e Arthur Lima, di 3 anni e originari del Brasile, attraverso una “sala virtuale” e sotto la supervisione del neurochirurgo britannico Owase Jeelani. La sua associazione, “Gemini Untwined” ha finanziato il processo e grazie a questo, i due fratelli si sono salvati.

Bernardo e Arthur Lima sono due gemelli brasiliani di 3 anni, il cui volto è ormai su tutti i media per il loro caso, visto che sono nati con i cervelli uniti, una condizione che li ha resi gemelli craniopagi.

Essere separati era qualcosa di impossibile per loro, finché l’opportunità di potersi sottoporre ad un intervento è diventata realtà. L’associazione Gemini Untwined, fondata dal neurochirurgo britannico Owase Jeelani, si è incaricata di finanziare l’operazione, che si è rivelata una delle più complesse.

PA

I figli della coppia brasiliana sono stati sottoposti a ben sette interventi a Rio de Janeiro, sotto l’attenta supervisione di Owase Jeelani. Quasi 100 medici di tutto il mondo hanno partecipato virtualmente al momento, con degli auricolari, secondo quanto emerge da LADbible.

I bambini sono stati in sala operatoria per 27 lunghe ore l’ultima volta, con 4 pause di 15 minuti per bere e mangiare, a detta del Daily Mail. Nonostante prima avessero cercato di separarli senza successo, questa volta finalmente è stata quella giusta.

PA

In seguito, il dottor Jeelani è rimasto “assolutamente distrutto” , ma al contempo si sentiva soddisfatto perché l’obiettivo era stato raggiunto. “Non sono mancate le lacrime e ci sono stati numerosi abbracci. Poter offrire il nostro aiuto in questo viaggio è stato meraviglioso”, ha ammesso, come riportato su LADbible. Bernardo e Arthur hanno superato l’operazione egregiamente e adesso sono in convalescenza.

In questo modo, sono diventati i gemelli craniopagi più “adulti” ad essere separati. “Siamo felici che sia andato tutto bene e che i bambini e la loro famiglia abbiano avuto un risultato che ha cambiato letteralmente la loro vita”, ha commentato il medico, a detta di LADbible.

PA

Questa è stata la sesta separazione che il neurochirurgo ha effettuato nella sua carriera. Si è anche occupato, tra l’altro, di altri casi in Pakistan, Sudan, Israele e Turchia.

La pressione arteriosa di Bernardo e Arthur era in perfetto stato e dopo quattro giorni si sono finalmente potuti dare la mano, come hanno raccontato i genitori al Daily Mail. Adesso ad attenderli ci saranno 6 mesi di riabilitazione, mentre il dottor Jeelani spera che la sua fondazione possa aiutare altri casi simili. “L’idea dietro questa organizzazione benefica era creare un servizio di salute globale per casi rari, cercando di migliorare i risultati per questi bambini”, ha ammesso, secondo la stessa fonte.

A detta delle statistiche della fondazione Gemini Untwined, una su ogni 60.000 nascite riguarda gemelli uniti, e solo il 5% di queste si riferisce a casi di neonati uniti dalla testa.